martedì 29 agosto 2017

Il governo ha oggi varato il “reddito di inclusione” spacciandalo come “un sostegno alle famiglie più deboli”. Ma abbiamo imparato da decenni a non bere stupidate propagandistiche di questo genere. Gli elementi critici sono troppi e tutti facili da individuare. Vediamoli insieme





L’ISTAT calcola la stima della povertà secondo due distinte misure: povertà assoluta e povertà relativa. I dati del 2016 stimano che:

• gli individui che vivono in povertà assoluta ammontano a 4 milioni e 742mila (7,9% della popolazione) e riguardano 1 milione e 619mila famiglie (6,3% delle famiglie residenti);

• gli individui che vivono in povertà relativa ammontano a 8 milioni 465mila (14,0% della popolazione), per un totale di 2 milioni 734mila famiglie (10,6% delle famiglie
Chi colpisce di più

La povertà, sia assoluta che relativa, colpisce soprattutto la famiglie numerose, con 4 o 5 e più componenti e con minori, la famiglie giovani dove la persona di riferimento ha meno di 35 anni e il cui titolo di studio posseduto è al massimo la licenza elementare.

I working poor

Le famiglie in povertà assoluta la cui persona di riferimento può contare su un’occupazione (working poor) rappresentano il 6,4% (il 10,2% se si considera la povertà relativa) e particolarmente sfavorite risultano le famiglie di operai assimilati (12,6% in povertà assoluta e il 18,7% in povertà relativa), mentre tra i non occupati è colpito soprattutto chi è in cerca di occupazione (23,2% in povertà assoluta e il 31,0% in povertà relativa).


a) Il Reddito di inclusione (Rei) sostituisce altre due forme di sostegno al reddito (il Sostegno all’inclusione attiva – Sia – e l’Asdi, l’Assegno di disoccupazione), ricalcando di fatto le caratteristiche del primo.

b) L’importo del Rei è decisamente miserevole – dai 190 fino ai 485 euro – e molto inferiore all’attuale (e insufficiente) Assegno di disoccupazione, che corrisponde invece “al 75% della retribuzione media mensile imponibile ai fini previdenziali degli ultimi quattro anni”; un cifra variabile con il llivello della perduta retribuzione, tanto che la stessa legge imponeva un limite (“l’importo della prestazione non può superare il limite massimo di 1.300 euro”) e una riduzione del 3% ogni mese per “incentivare la ricerca di una nuova occupazione”).

c) I requisiti particolarmente restrittivi per l’accesso alla prestazione (come per l’attuale Sia; unica differenza il livello dell’Isee, ora a 6.000 euro invece che a 3.000) e le “condizionalità” (mettersi in mano ai servizi sociali, nel frattempo ridotti alla paralisi a causa dei tagli al bilancio).

d) Le risorse finanziarie ridicole (1,7 miliardi), sufficienti per poco più di mezzo milione di famiglie (il “familismo” è la filosofia dominante di questa misura); lo stesso governo dice di sperare bastino per “660mila”.

In pratica, il Rei non si discosta molto dalla famosa “social card” di Giulio Tremonti.

0 commenti:

Posta un commento

ORA ITALIA

TRANSLATE

NO AL RAZZISMO

NO AL RAZZISMO

BLOG ANTIFA

BLOG ANTIFA

NO CYBERBULLISMO

NO CYBERBULLISMO

FREE PALESTINE

FREE PALESTINE

IBA

International Bloggers' Association

DONA A FREE-ITALIA

Blog Archive

Wikipedia

Risultati di ricerca

DIVENTA FAN

ÙGMAP

Google Maps by Embedgooglemap.net

BORSA

Popular Posts

Labels

allerta meteo (23) AMBIENTE (371) antropologia (27) archeologia (51) Arte (58) astronomia (208) attualità (1023) banche (161) Beppe Grillo (109) Berlusconi (112) Berlusconi biografia (12) Berlusconi e i suoi misteri (38) Berlusconi e i suoi processi (39) Biografie (12) BOLOGNa (20) bufala (66) camera dei deputati (11) Carceri (19) Casta (212) censura (62) centrodestra (15) centrosinistra (30) Cina (14) cinema (22) Cinofilia (3) Civiltà (13) Corruzione (185) Crisi Russia-Ucraina (36) crisi economica (773) Cronaca (1221) Cucina (8) Cultura (164) Diritti (214) DISABILI (47) donne (23) DROGA (12) Economia (788) emergenza (3) Emergenza rifiuti (17) emigranti (11) energia (54) Enrico Marra (3) Esteri (716) etica (1) Ettore Zanca (1) Europa (650) evasione (30) expo 2015 (16) feste (25) filosofia (95) Finanza (241) fissazioni (1) Geologia (83) geoPolitica (179) giochi (3) Giovani (75) giustizia (120) Gli sprechi della politica (115) Gli stipendi dei politici (25) Governo Berlusconi (58) Governo lega-m5s (47) Grecia (96) guerra (295) guide free-italia (74) guide italia-libera (15) Immigrati (60) IMPRESE (67) Inchieste (122) Intercettazioni (16) israele (22) Italia (2271) lavoro (403) LEGA NORD (94) Lettere (3) LOBBY (13) lotte sociali (273) M5S (149) mafia (274) manovra finanziaria (66) marijuana (48) Mario Monti (107) Medicina e Salute (695) migranti (52) Misteri e Occulto (117) musica (39) News mondo (336) Nino Di Matteo (8) NO TAV E MUOS (76) notizie (1) NUCLEARE (27) OGM (3) Ong (11) ONU (1) Pd (25) Pedofilia (4) Pensioni (50) Poesia (120) Politica (1070) Politici e controversie giudiziarie (128) polizia (36) potere (1) POVERTÀ (46) razzismo (59) referendum (10) religioni (20) RENZI (151) Riflessioni (144) RIVOLUZIONE CONSAPEVOLE (34) Roma (62) Russia (28) Salvini (20) Sanità (92) Satira (32) scienza (547) Scuola e Università (181) Servizi Segreti (29) sesso (41) Sicilia (168) Simbologia (19) sindacati (1) società (515) solidarietà (26) sport (88) sprechi (6) Stampa e Media (95) stato (1) STORIA (292) stragi (44) SUD (63) Taranto (1) TASSE (89) Terroristi (101) trattativa Stato - Mafia (55) ttip (7) TURCHIA (118) turismo (44) USA (240) vaticano (61) Verità Nascoste (200) viaggi (1) Video (36) violenza (27) VITTIME MAFIA (43) votazioni (1) Web e hi-tech (195)