lunedì 27 maggio 2019

La Lega trionfa. E l’Italia ha il suo Capitano. Dal 17 per cento dello scorso 4 marzo la forza leghista ha raddoppiato i suoi voti (al 34 per cento) in queste Elezioni Europee, diventando il primo partito italiano e stravolgendo ulteriormente la mappa geopolitica italiana: da giallo verde a prevalentemente verde, con un giallo molto sbiadito qui e là.


Un risultato che spiana definitivamente il campo al ministro dell’Interno come leader unico, di nome e di fatto, del centrodestra in Italia. Berlusconi cala ancora mentre il risultato di Giorgia Meloni dimostra che Fratelli d’Italia non è ancora una forza nazionale come credeva di essere. E tuttavia, nonostante tutto questo, il centrodestra unito si attesta ben al di sopra del 45 per cento.

C’è nuova, “nuova Italia”, dopo quella emersa con le ultime politiche e che aveva visto tramontare i partiti tradizionalisti in favore dei cosiddetti populisti. Nell’imminente futuro questo si traduce in un ribaltamento dell’equilibrio di potere tra M5S e Lega. Aprendo la strada a Salvini su tre forni distinti: un governo di centrodestra (ora “l’alternativa al governo giallo verde” c’è), un governo Salvini-Meloni, o un governo M5S-Lega nella permanenza dello status quo.

Il leader leghista, oggi al 34 per cento – dato ben supportato dai sondaggi degli ultimi mesi – dice che intende andare avanti e lavorare sodo. Ma è evidente che ha un potere come mai ne ha avuto nella sua carriera politica. E ora deve capire cosa vuol fare da grande, posto che con il M5S non può governare ancora a lungo se non a colpi di ultimatum. Del resto, è dagli uomini più vicini a Salvini che in queste ultime settimane sono arrivate le frecciatine più dure al governo, e anche alla presidenza del Consiglio. Gli stessi che questa notte si sono tolti più di una qualche soddisfazione nel vedere i propri alleati di governo cadere così in basso.

Salvini Europee – La nuova Italia del Capitano impone, però, anche una più seria e profonda riflessione sul ruolo che le opposizioni hanno attribuito a Salvini in questi mesi. “L’uomo cattivo, l’uomo nero al comando, il nuovo fascista che imprime terrore e alimenta l’odio”: tutto ciò non aiuta a comprendere, ed eventualmente a combattere, il disegno politico di Salvini. Lo alimenta a sua volta. La Lega, il partito più antico d’Italia, è anche il più strutturato. Radicato sul territorio e capace di capitalizzare quanto seminato negli ultimi anni.

E a ben vedere, al di là dei toni e del linguaggio salvinian-leghista (tutto da rivedere, beninteso), il partito del vicepremier è riuscito a intercettare i sentimenti di un popolo profondamente diverso rispetto a come lo era cinque anni fa, facendo clamorosamente “sue” alcune periferie cruciali sul territorio italiano.

Quello che Di Maio e i suoi non sono riusciti a fare, al netto delle misure approvate e dei cavalli di battaglia grillini. Nelle elezioni europee più importanti degli ultimi vent’anni, significative tanto per l’Italia quanto per l’Europa stessa, l’altro dato schiacciante è infatti la sconfitta sonora del M5S. Di Maio, che non commenta i dati finché non saranno reali, si complimenta con Salvini. Ma è l’ammissione di una batosta che parla chiaro: lo scorso 4 marzo i grillini erano al 32 per cento. Oggi si ritrovano a un risicato 18. Uno scarto di 14 punti in meno, una decrescita di più di 1 punto al mese da quando il M5S è salito al governo il 1 giugno 2018.


Non va meglio a Zingaretti (qui il suo discorso), che con il suo 22 per cento porta il Pd a +5 punti dalle ultime politiche (23 per cento) superando i grillini: troppo poco per un’alternativa seria che si candidi a governare il paese, a meno 10 dalla Lega ed esattamente a metà dal centrodestra unito. Numeri che, a meno di un clamoroso ripensamento della politica d’opposizione e di una rinvigorita campagna elettorale (finora molto silenziosa e blanda), andrà scemando e non incrementando. Specie in assenza di una strategia chiara in tema di alleanze sul piano nazionale.


Più della metà degli elettori della Lega non va oltre la licenza media: i dati

Il primo dato che risalta è che il Carroccio ha incrementato il suo bacino elettorale nel Sud Italia: “9 elettori su 100 vivono nel Nord Ovest (un anno fa il rapporto era di 36 a 100), 25 su 100 nel Nord Est (con un la conquista di Emilia Romagna e Friuli) mentre l’aumento delle percentuali di leghisti al Centro (da 23 a 27 su 100) e al Sud (dal 12 al 18 su 100) è evidente. Più modesta la crescita nelle Isole (da 8 a 10)”.

In aumento anche l’elettorato femminile. Le Lega, inoltre, raccoglie i voti di molti delusi dal Movimento Cinque Stelle, passati in un anno dal 14 al 23 per cento.

“Non è un caso, in questo quadro, se muta anche il profilo professionale del leghista-tipo: aumenta il numero di coloro che hanno un impiego a tempo indeterminato, e soprattutto dei dipendenti pubblici, categoria ampiamente diffusa al Sud. E se è bassa la fascia di disoccupati, alta è l’età media: gli over 45 salgono dal 60 al 70 per cento del totale”, scrive Repubblica.

Chi vota Lega | Istruzione – “L’istruzione media dei fan salviniani non è elevata: il 55 per cento si è fermato alla licenza elementare o media. La fede, sulla carta, è solida (quasi la metà dichiara di partecipare almeno a una funzione religiosa ogni mese) e le posizioni sono conservatrici: ne è simbolo, in Sardegna, l’ultrà cattolico Alberto Agus, esponente del movimento Nova Civilitas che sostiene cinque candidati-top della Lega alle Europee”.

Altro dato interessante è che tra gli elettori di Salvini aumenta la percentuale di chi vuole restare in Europa (dal 59 al 67,7 per cento).

0 commenti:

Posta un commento

ORA ITALIA

TRANSLATE

NO AL RAZZISMO

NO AL RAZZISMO

BLOG ANTIFA

BLOG ANTIFA

NO CYBERBULLISMO

NO CYBERBULLISMO

FREE PALESTINE

FREE PALESTINE

IBA

International Bloggers' Association

DONA A FREE-ITALIA

Blog Archive

Wikipedia

Risultati di ricerca

DIVENTA FAN

ÙGMAP

Google Maps by Embedgooglemap.net

BORSA

Popular Posts

Labels

allerta meteo (23) AMBIENTE (371) antropologia (27) archeologia (51) Arte (58) astronomia (208) attualità (1023) banche (161) Beppe Grillo (109) Berlusconi (112) Berlusconi biografia (12) Berlusconi e i suoi misteri (38) Berlusconi e i suoi processi (39) Biografie (12) BOLOGNa (20) bufala (66) camera dei deputati (11) Carceri (19) Casta (212) censura (62) centrodestra (15) centrosinistra (30) Cina (14) cinema (22) Cinofilia (3) Civiltà (13) Corruzione (185) Crisi Russia-Ucraina (36) crisi economica (773) Cronaca (1221) Cucina (8) Cultura (164) Diritti (214) DISABILI (47) donne (23) DROGA (12) Economia (788) emergenza (3) Emergenza rifiuti (17) emigranti (11) energia (54) Enrico Marra (3) Esteri (716) etica (1) Ettore Zanca (1) Europa (650) evasione (30) expo 2015 (16) feste (25) filosofia (95) Finanza (241) fissazioni (1) Geologia (83) geoPolitica (179) giochi (3) Giovani (75) giustizia (120) Gli sprechi della politica (115) Gli stipendi dei politici (25) Governo Berlusconi (58) Governo lega-m5s (47) Grecia (96) guerra (295) guide free-italia (74) guide italia-libera (15) Immigrati (60) IMPRESE (67) Inchieste (122) Intercettazioni (16) israele (22) Italia (2271) lavoro (403) LEGA NORD (94) Lettere (3) LOBBY (13) lotte sociali (273) M5S (149) mafia (274) manovra finanziaria (66) marijuana (48) Mario Monti (107) Medicina e Salute (695) migranti (52) Misteri e Occulto (117) musica (39) News mondo (336) Nino Di Matteo (8) NO TAV E MUOS (76) notizie (1) NUCLEARE (27) OGM (3) Ong (11) ONU (1) Pd (25) Pedofilia (4) Pensioni (50) Poesia (120) Politica (1070) Politici e controversie giudiziarie (128) polizia (36) potere (1) POVERTÀ (46) razzismo (59) referendum (10) religioni (20) RENZI (151) Riflessioni (144) RIVOLUZIONE CONSAPEVOLE (34) Roma (62) Russia (28) Salvini (20) Sanità (92) Satira (32) scienza (547) Scuola e Università (181) Servizi Segreti (29) sesso (41) Sicilia (168) Simbologia (19) sindacati (1) società (515) solidarietà (26) sport (88) sprechi (6) Stampa e Media (95) stato (1) STORIA (292) stragi (44) SUD (63) Taranto (1) TASSE (89) Terroristi (101) trattativa Stato - Mafia (55) ttip (7) TURCHIA (118) turismo (44) USA (240) vaticano (61) Verità Nascoste (200) viaggi (1) Video (36) violenza (27) VITTIME MAFIA (43) votazioni (1) Web e hi-tech (195)