domenica 29 dicembre 2019

La copertura giornalistica del caso delle due ragazze investite a Roma è il modo peggiore di
concludere questo nefasto 2019.

Non è stato raccontato un fatto di cronaca, ma è stata prodotta della pornografia. Repubblica, sul suo sito, a un certo punto ha titolato «Via ai funerali di Gaia e Camilla», come se fosse la diretta della finale dei mondiali o di una tappa del Tour de France. Non so se mi spiego.


Il fatto è che c’è un limite a tutto: c’è il diritto di cronaca e il dovere di scrivere tutto quello che accade e che abbia una rilevanza pubblica – e un incidente mortale ha una rilevanza pubblica – però arriva anche il momento in cui il racconto va fatto in modo e non in un altro.

Provo a spiegare meglio: quando uscì l’autopsia di Pamela Mastropietro c’è chi scelse di scrivere semplicemente che la ragazza era stata fatta a pezzi (e già si capisce tutto) e chi invece preferì entrare nei dettagli su come sia stata disossata e sulla situazione dei suoi tessuti muscolari dilaniati. Perché? In questo caso la risposta è semplice: perché c’erano di mezzo un ne*ro assassino e una campagna elettorale in corso, quindi valeva tutto.

Nel caso delle ragazze investite in Corso Francia a Roma, malgrado i dubbi del gip, si è già decretato che l’investitore è un drogato da sbattere in galera per sempre. Se non basta la gogna per l’investitore, possiamo sempre rivolgerci a Feltri e affini per un bell’editorialino a tema «che ci facevano due sedicenni in giro a mezzanotte e mezza?». (E che ci fa un vecchio rinc******to in tweed a dirigere un giornale?)

Qui però non ci sono campagne elettorali né ne*ri e il motivo di tanta e tale perversione giornalistica va ricercato nella crisi profonda della carta stampata, che non vende più niente in edicola e spera di trovare la salvezza assecondando il peggio del peggio del peggio che si trova su Facebook e su Twitter.

Io credo che la cronaca nera sia importantissima: «È la pancia del giornale», diceva sempre un vecchio caporedattore amico mio. Credo però anche che la cronaca nera si debba fare in modo diverso da come la leggiamo (e la scriviamo) tutti giorni. Dovremmo sempre e comunque chiederci i perché del caso e, allo stesso tempo, dovremmo sempre cercare di rispettare tutte le parti in causa: vittime, parenti, colpevoli veri o presunti, testimoni, eccetera eccetera.

Come si fa? Con le parole. Questo usiamo noi: le parole. E ci sono parole peggiori di altre. E questo dovremmo saperlo bene. E sapere cosa può significare nelle vite degli altri. Perché è di quello che scriviamo: le vite degli altri. Sconosciuti a cui succedono cose orrende e che noi disturbiamo per cinquanta o sessanta righe di cronaca.

I perché necessari a costruire un buon pezzo, tra l’altro, sarebbe meglio non rivolgerli verso chi certe storie le subisce, ma verso il potere costituito, i dispensatori di «verità putative» che non ti salvano in caso di querela ma che devi rispettare pena l’ostracismo e la carestia di notizie dai giri di nera. Non bisogna avere nemici in questura, dicono, anche se quando le cose sono importanti ti nascondono la verità e ti riempiono di cazzate.

Se pensate che il peggio sia alle spalle, non illudetevi e tenete presente che stiamo entrando negli anni venti.

Auguri.


0 commenti:

Posta un commento

ORA ITALIA

TRANSLATE

NO AL RAZZISMO

NO AL RAZZISMO

BLOG ANTIFA

BLOG ANTIFA

NO CYBERBULLISMO

NO CYBERBULLISMO

FREE PALESTINE

FREE PALESTINE

IBA

International Bloggers' Association

DONA A FREE-ITALIA

Blog Archive

Wikipedia

Risultati di ricerca

DIVENTA FAN

ÙGMAP

Google Maps by Embedgooglemap.net

BORSA

Popular Posts

Labels

allerta meteo (23) AMBIENTE (377) antropologia (27) archeologia (51) Arte (58) astronomia (208) attualità (1031) banche (161) Beppe Grillo (109) Berlusconi (112) Berlusconi biografia (12) Berlusconi e i suoi misteri (38) Berlusconi e i suoi processi (39) Biografie (12) BOLOGNa (20) bufala (66) camera dei deputati (11) Carceri (19) Casta (212) censura (62) centrodestra (15) centrosinistra (30) Cina (15) cinema (23) Cinofilia (3) Civiltà (13) Corruzione (185) Crisi Russia-Ucraina (36) crisi economica (774) Cronaca (1221) Cucina (8) Cultura (164) Diritti (214) DISABILI (47) donne (23) DROGA (12) Economia (790) emergenza (3) Emergenza rifiuti (17) emigranti (11) energia (54) Enrico Marra (3) Esteri (718) etica (1) Ettore Zanca (1) Europa (651) evasione (30) expo 2015 (16) feste (27) filosofia (95) Finanza (241) fissazioni (1) Geologia (83) geoPolitica (179) giochi (3) Giovani (75) giustizia (120) Gli sprechi della politica (115) Gli stipendi dei politici (25) Governo Berlusconi (58) Governo lega-m5s (47) Grecia (96) guerra (298) guide free-italia (74) guide italia-libera (15) Immigrati (60) IMPRESE (67) Incendi (1) Inchieste (122) Intercettazioni (16) israele (22) Italia (2282) lavoro (406) LEGA NORD (95) Lettere (3) LOBBY (13) lotte sociali (273) M5S (149) mafia (275) manovra finanziaria (66) marijuana (48) Mario Monti (107) Medicina e Salute (695) migranti (53) Misteri e Occulto (117) musica (39) News mondo (338) Nino Di Matteo (8) NO TAV E MUOS (77) notizie (1) NUCLEARE (27) OGM (3) Ong (11) ONU (1) Pd (25) Pedofilia (4) Pensioni (50) Poesia (120) Politica (1073) Politici e controversie giudiziarie (128) polizia (36) potere (1) POVERTÀ (46) razzismo (59) referendum (10) religioni (20) RENZI (151) Riflessioni (147) RIVOLUZIONE CONSAPEVOLE (34) Roma (62) Russia (28) Salvini (20) Sanità (94) Satira (32) scienza (548) Scuola e Università (181) Servizi Segreti (29) sesso (41) Sicilia (168) Simbologia (19) sindacati (1) società (518) solidarietà (26) sport (88) sprechi (6) Stampa e Media (98) stato (1) STORIA (294) stragi (44) SUD (63) Taranto (1) TASSE (89) Terroristi (101) trattativa Stato - Mafia (55) ttip (7) TURCHIA (118) turismo (44) USA (245) vaticano (61) Verità Nascoste (200) viaggi (1) Video (36) violenza (27) VITTIME MAFIA (43) votazioni (1) Web e hi-tech (197)